Ricerca – azione RTF

Focus Group sul patrimonio architettonico flegreo di interesse storico.

01

Giovedì 8 maggio, presso la fattoria didattica “Il Giardino dell’Orco”, alle spalle del suggestivo scenario del Lago di Averno, si è svolto un focus group ( riunione a tema ) sull’argomento “Il patrimonio architettonico flegreo di interesse storico quale risorsa per lo sviluppo”.

Si è trattato di un’occasione di riflessione condivisa organizzata da ILS LEDA (http://www.ilsleda.org/home/) e finalizzata all’individuazione di elementi strategicamente significativi, nel quadro della ricerca-azione “RTF – Risorse Territoriali Flegree“, che ILS LEDA già da tempo sta conducendo.

L’incontro ha visto la partecipazione di soggetti e rappresentanti del mondo associazionistico a vario titolo connessi al tema dei beni culturali e attivi nell’area di interesse della ricerca-azione, che è quella sottesa dai comuni di Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida, Quarto, Procida, Marano, dai comuni ischitani, da alcune frazioni di Giugliano in Campania e dalle municipalità occidentali di Napoli.

Attraverso questa attività, ILS LEDA – che opera prevalentemente nei paesi in via di sviluppo – intende anzitutto sperimentare le proprie metodologie in un territorio del nord del mondo ed in piena crisi di post-sviluppo.

La ricerca-azione sulle risorse flegree intende:
a) produrre informazioni sulle risorse attuali e potenziali dell’area flegrea, sulla loro competitività, sul loro grado di fruizione e i relativi ostacoli,
b) mettere a disposizione degli attori interessati le informazioni prodotte, che saranno utili per individuare:
• temi di interesse per la ricerca tecnico-scientifica a supporto dello sviluppo,
• fabbisogni professionali e formativi per la pianificazione dell’orientamento, della formazione, della specializzazione e della riqualificazione professionale,
• ambiti potenzialmente efficaci per investimenti pubblici o privati che possano generare sviluppo territoriale.
03 - 11

RTF è già partita lavorando sulle catene del valore individuate (Api, Cantieristica Nautica Artigianale, Carne, Erbe e Aromi, Foresta, Latte, Ortofrutta, Pesca, Tessuti e Ricamo, Vite). In questa fase sta approcciando il grande ambito culturale flegreo a partire da quelle risorse, quale il patrimonio architettonico, tradizionalmente meno considerate rispetto al massiccio attrattore archeologico che pure sarà oggetto della ricerca.

In relazione al patrimonio architettonico, questa prima fase di surveying (“identificazione delle risorse”) intende individuare le strutture esistenti, a partire da quelle risalenti all’Alto Medioevo e fino a quelle di più recente costruzione, dotate a vario titolo di “interesse” e che quindi possano essere considerate “risorse per lo sviluppo”. Si intende coinvolgere nella ricerca tutti gli attori locali a vario titolo connessi all’argomento, a partire dalle scuole.

Le informazioni prodotte potranno poi fornire un quadro delle possibili interazioni tra le risorse individuate, da quelle agricole a quelle culturali (da collocarsi, per esempio, nella grande cornice di un Sistema Turistico Locale realmente integrato e quindi efficace), a patto di aver individuato anche i fattori di vantaggio competitivo di queste ultime e gli ostacoli da superare per fruire al meglio di tale vantaggio.

Questa fase di RTF, così, potrà produrre informazioni utili a valorizzare, finalmente, un patrimonio, quello storico architettonico, dimenticato e sconosciuto ai più, ma che potrebbe rappresentare un’ulteriore ricchezza dei Campi Flegrei.

Alessandra Di Meo

 

02

 

 

 

 

 

 

Annunci