La festa del mandarino!

Un viaggio inebriante, tra profumi e sapori, si è realizzato sabato 15 e domenica 16 durante la Festa dei mandarini e degli agrumi flegrei, a Bacoli, con il patrocinio morale del Comune.

Un incontro ormai collaudato, che si ripresenta anche quest’anno, in apertura delle festività natalizie, presso il Ramo D’Oro. Per tutti coloro che amano la nostra terra è un appuntamento imperdibile.

Il profumo agrodolce degli agrumi fa da sfondo ad un evento di grande rilevanza per la promozione del territorio flegreo. Da sempre il Ramo d’Oro, location ideale in quanto immersa nel verde, si pone in prima linea

nell’organizzazione di eventi che coinvolgono la comunità locale, sia come partecipanti, sia come fruitori di un servizio impeccabile incentrato sulla divulgazione dei nostri prodotti d’eccellenza. Dai frutti dei nostri campi, alle opere dei nostri artigiani, tutti possono partecipare a questi due giorni dedicati alle bellezze naturali che ci circondano.

Le giornate sono strutturate con esposizioni varie, dove è possibile ammirare i prodotti gastronomici e i lavori manuali di importanti artisti flegrei come: Ars Mirabilis, Rory, Iron Angels, Spazio Venexiart, Ceramiche Artistiche, Mavalù, Napoli Flegrea, Le rò e l’Istituto agrario Falcone.

Brevi convegni, discussioni e dibattiti sono stati proposti per far conoscere ai visitatori la qualità dei nostri prodotti, l’alimentazione mediterranea, l’importanza della risorsa agricola nell’economia del nostro territorio.

Personalità di grande rilievo si sono messe a disposizione per “fare” ed “informare”, come il filosofo Nicola Magliulo, la dott.ssa Angela Giustino, il saggista Flavio Gioia e l’esperto Giovanni Guardascione.

Ad un piccolo prezzo, è possibile anche concedersi un momento di delizia con l’esclusivo buffet messo a disposizione da alcuni ristoratori del luogo, che hanno messo a punto un menù ad hoc fatto di piatti al sapore di agrumi.

Le giornate sono allietate anche da alcune performance: quella di ballo realizzata da Antonella Ugliano e quella di canto del Coro Gospel dei maestri Di Martino e Riccio.

E c’è spazio anche per la solidarietà: è stato possibile infatti, raccogliere i mandarini dell’agrumeto dietro versamento di un piccolo contributo che sarà devoluto in beneficienza.

Un programma ricco di appuntamenti reso possibile grazie alla volontà e alla collaborazione di tutti. Espositori, organizzatori ed esperti vari, hanno lavorato per far si ché, questo fine settimana dedicato alla natura fosse un evento stimolante per l’intera collettività.

Dalla terra noi traiamo tutti gli elementi essenziali per la nostra vita. E’ quindi di fondamentale importanza ricordare ed omaggiare questo territorio, affinché dalle nostre radici possiamo trarre insegnamento. Ringraziando tutti quelli che hanno partecipato e che hanno reso possibile quest’evento, aspetteremo il prossimo anno nella speranza di poter ritrovare questi sapori, intatti e genuini. Ci hanno regalato un momento di vero incontro con la natura, che dovremmo cercare di preservare e tutelare, sempre, con tutte le nostre forze, anche con attività come la Festa dei mandarini.

Maria Angela D’Oriano

Advertisements