SETE: trittico per una civiltà dell’acqua.

L’acqua, l’elemento naturale di cui noi stessi siamo fatti, è il tema centrale delle poesie e della serata organizzata da Ariele D’Ambrosio, scrittore e poeta
napoletano.
MUNDUS ARS è infatti un suo progetto, che consiste in un’incontro dove la poesia è uno strumento di impegno civile.
Dopo gli eventi realizzati per un’etica del rifiuto e per i 150 anni
dell’Unità d’Italia, il 19 aprile presso la Chiesa San Francesco delle Monache
in Via Santa Chiara, si è svolto il terzo incontro sul tema dell’acqua e della
sete.
Accompagnato da importanti musicisti napoletani, il poeta ha dato voce,
sostanza e forma ad una risorsa di inestimabile valore per l’umanità. Grande spazio è stato riservato alle testimonianze di importanti personalità
che hanno messo a disposizione del pubblico le loro conoscenze sull’acqua. In
particolare, di grande rilevanza sociale, gli interventi di Giorgio Liguori e
Mohamed Tewfik.
Liguori, docente di Igiene all’università Parthenope di Napoli e Consulente
del Comune, con le sue attività di ricerca nell’ambito della prevenzione dei
rischi per l’igiene idrica della città, ha articolato il suo intervento
sull’importanza della sicurezza dell’acqua potabile messa a disposizione dei
cittadini. Dopo vari studi e analisi di laboratorio, si può affermare che
l’acqua dei nostri rubinetti è molto più sicura di quella imbottigliata.
Tewfik, ingegnere napoletano nato a Il Cairo, è il Direttore Generale
dell’azienda che gestisce il servizio idrico della città di Salerno. Apporta in
questo contesto, grazie alla sua pluriennale esperienza sul campo, la sua
opinione su come l’efficienza del servizio idrico non dipenda dalla gestione
pubblica o privata dello stesso. L’acqua non appartiene a nessuno, non si vende
e quello che noi possiamo e dobbiamo fare, è solo preservarla!
Non meno importanti gli altri relatori: Padre Alex Zanotelli, l’ingegnere Luca
Ciardiello e in conclusione, lo psicoterapeuta Francesco Aguilar.
Un incontro altamente formativo che ci ha permesso di ampliare i nostri
orizzonti, nell’attesa di un prossimo evento dove musica, poesia e parole si
fondano per avvicinarci con semplicità ed emozione ad altre importanti
tematiche sociali!

Maria Angela D’Oriano

Annunci